Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

2 novembre 2009

03. Sostanze droganti, viaggi astrali e magia


Cosa ne pensate dell’uso di certe sostanze, come quelle usate nei percorsi sciamanici?

So bene che spesso c‘è una forte buona fede dietro ciò, e che molte persone sono grate a tali esperienze con cui hanno potuto sperimentare come il loro spazio interiore sia più vasto e libero di quanto immaginassero.

Tuttavia, devo sconsigliare fortemente l’uso di sostanze esterne, come anche qualunque “forzatura” che si tratti di meditazioni intensive o di tecniche per stimolare l’uscita della coscienza dal corpo fisico, dette anche viaggi astrali (OoBE)… In questo so di essere poco popolare, ma non posso tacere.

La motivazione della mia posizione si basa sul fatto che le esperienze astrali indotte da questi percorsi stimolano la persistenza della coscienza su tali piani astrali… invece di focalizzarla sui livelli più “alti”, dove risiede ad esempio il corpo dell’anima (corpo causale).

Infatti, ci sono più “piani” cioè dimensioni, oltre a quello fisico. I piani normalmente sono: fisico denso, fisico eterico, astrale, mentale inferiore, mentale superiore o causale, buddico, atmico, monadico… e mi fermo qui. Ne parlerò magari più avanti.

Un “mago bianco” cercherà sempre di favorire la polarizzazione delle energie almeno sui piani causali (favorendo ad esempio i processi di intuito e comunicazione con l'anima), ed eviterà di rafforzare qualsiasi posizione sui piani astrale e mentale inferiore, essendo il primo crogiolo di forme emozionali di “basso rango” e di "illusioni", e il secondo luogo di forme pensiero cioè di aggregati di energia che si nutrono di certe vibrazioni.

Durante il sonno l’umanità visita molto spesso il piano astrale, ma la naturale conformazione dei corpi sottili garantisce una certa protezione al “viaggiatore notturno”. Se invece ci si proietta forzatamente e coscientemente in tali ambienti, prima di aver raggiunto una reale maturità e capacità esoterica, ci si espone a pericoli di ogni sorta, dovuti alla presenza di energie poco luminose (larve, vampiri ed esseri oscuri di vario genere che vi abitano), oltre al fatto che si possono creare danni alla “pellicola eterica” che protegge la nostra struttura psicofisica, esponendoci a interferenze emotive e mentali di vario genere.

Se proprio volete fare esperienze “magiche”... Imparate a guardare il mondo con occhi diversi, imparate ad esserci… perché la Vita è una magia essa stessa e ci comunica i suoi rituali e le sue formule attraverso infiniti segnali quotidiani, istante per istante. I riflessi dal piano causale giungono a noi attraverso ispirazioni e intuizioni: è questa la dimensione che va nutrita… vedrete allora in ogni fiore la forza delle galassie, e nella luce del vostro Cuore il potere più grande.