Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

12 luglio 2019

Inizia con un minuto

Ti è mai capitato di voler migliorare il tuo stile di vita, di voler introdurre nuove abitudini nella tua quotidianità – fare movimento fisico, mangiare meglio, praticare meditazione, leggere di più, diventare ordinato, studiare una lingua... – e ritrovarti, non molto tempo dopo, ad aver abbandonato ogni proposito, nonostante la motivazione iniziale, tornando inesorabilmente alle vecchie abitudini?

Se la risposta è sì, non ti preoccupare: hai semplicemente la stessa difficoltà che hanno tantissime persone nell'essere perseveranti, me stessa compresa... ed è per questo che oggi voglio condividere con te una strategia che mi ha aiutato a superare questo genere di situazioni (che spaziano dalla pigrizia alla mancanza di volontà, dal disamore di sé alla procrastinazione).

La strategia

In breve, si tratta di dedicarsi alla nuova abitudine scelta, ma solo per un minuto al giorno.

Dopo qualche tempo, quando sentirai che è facile per te impegnarti per quel minuto giornaliero, potrai aumentare la finestra temporale passando per esempio a tre minuti, poi a cinque, a dieci, e così via.

Fare qualcosa solo per un minuto potrebbe sembrare ridicolo, tant'è che la mente è subito pronta a commentare che "non serve a niente!". Ti invito, però, a essere più furbo della mente e a non sottovalutare il potere innescato dalle piccole azioni.

Molti anni fa mi approcciavo per la prima volta alla meditazione e ricordo come questa mi sembrasse difficile da praticare. Decisi allora di iniziare con un minuto soltanto. Poi, con il passare del tempo, incrementai spontaneamente la durata passando a 5 minuti e oltre, superando facilmente le mie resistenze (oggi addirittura ho il problema opposto: mi piace così tanto meditare che mi obbligo a interrompere la meditazione dopo 20/30 minuti, anche se non vorrei, per non creare sovraccarichi energetici).

L'obiettivo deve essere piccolo

Se l'obiettivo è molto piccolo e facilmente raggiungibile, possiamo realizzarlo senza stress e sentirci comunque soddisfatti per averlo fatto. Avere come obiettivo un minuto di meditazione non richiede un grande impegno: facciamo prima a farlo che a combattere con la procrastinazione del momento.

Questo vale per qualunque obiettivo. Forse quel minuto all'inizio non cambierà niente – cosa cambia con un minuto di meditazione? E con un minuto di ginnastica? Con un minuto in cui mangi cibo sano? Con un minuto in cui metti a posto delle cose in disordine? Con un minuto di lettura di un buon libro? – ma solo all'apparenza: avrà intaccato invece la nostra tendenza a fare tutto subito o a fare niente, a volere risultati immediati o a mollare ogni cosa, tra gratificazione immediata o perfezionismo latente.

Il serbatoio dell'energia di cambiamento

Quando facciamo quello che ci siamo proposti di fare, per quanto sia qualcosa di semplice o breve, cominciamo a sentirci fieri di noi e ad accrescere il serbatoio della nostra "energia di cambiamento". L'energia di cambiamento è quell'energia che serve a realizzare i cambiamenti. Finché tale serbatoio è vuoto o riempito poco, non riusciremo a produrre i cambiamenti desiderati o a mantenerli. Stabilire piccoli impegni da realizzare in un minuto o poco più aiuta a riempire questo serbatoio quando è a secco.

Più avanti, quando il serbatoio sarà più colmo, ci verrà naturale aumentare il nostro impegno; infatti, più disponiamo di energia di cambiamento e più possiamo usarla come carburante per i nostri progetti. Ma attenzione: appena dovesse ripresentarsi la stanchezza o la procrastinazione, significa che bisogna fare un passo indietro e ripartire da obiettivi più piccoli, perché è il segnale che il serbatoio ha cominciato a svuotarsi.

Sii pronto a fare un passo indietro

Quando l'obiettivo diventa troppo difficile o stressante rispetto alla nostra disponibilità energetica, tendiamo ad abbandonarlo e ne derivano inevitabilmente un senso di fallimento e frustrazione e, come se non bastasse, queste vibrazioni di bassa frequenza vanno a consumare ulteriormente il nostro serbatoio. È molto importante, quindi, essere pronti a fare un passo indietro, ad alleggerire gli impegni, a ripartire anche da un minuto soltanto, per darci modo di interrompere ogni perdita energetica e recuperare. Se stiamo portando avanti più progetti contemporaneamente, ma tendiamo a mollare, valutiamo di concentrarci solo su uno che sia prioritario; reintrodurremo gli altri quando sarà il momento opportuno.

Ogni obiettivo per essere realizzato ha bisogno di un certo deposito di energia. Il modo migliore di procedere è dividere l'obiettivo in tanti piccoli step che siano davvero accessibili quotidianamente, a partire dal primo giorno che ce ne facciamo carico.

Il tempo passa lo stesso

Non avrei mai pensato di trovare il tempo e l'energia di scrivere un libro (AAA cercasi guru disperatamente), eppure l'ho fatto: mi sono alzata un po' prima al mattino ogni giorno e, scrivendo una pagina alla volta (ma spesso anche molto meno) ho dedicato quel piccolo tempo mattutino, prima di andare in ufficio, al mio progetto editoriale. In passato avevo rimandato diverse volte l'impegno di mettermi a scrivere: aspettavo di avere più tempo e concentrazione, che però non arrivavano mai. Poi mi sono detta: "Il tempo passa lo stesso, tanto vale fare comunque piccoli passi ogni giorno". E così ho fatto. Certo, quando si scrive un libro non è ideale doversi interrompere dopo qualche minuto, eppure ce l'ho fatta: man mano che il mio libro prendeva vita, il serbatoio delle mie energie cresceva e mi sosteneva a sua volta nel realizzarlo.

Se anche tu vuoi scrivere un libro, ma ti senti completamente bloccato e rimandi il momento di sederti alla scrivania e prendere la penna in mano (o accendere il computer), ti consiglio di iniziare proprio da un minuto al giorno. Per esempio, puoi stabilire che domani mattina dedicherai un minuto del tuo tempo per riflettere sugli argomenti di cui vuoi parlare nel tuo libro, ovviamente qualcosa a grandi linee. Scaduto il minuto, continuerai la mattina successiva, e quella successiva ancora. Mattina dopo mattina, prenderai nota di qualche frase, magari ti verrà in mente anche il titolo che vuoi usare. Dopo un po' di giorni, avvertirai la voglia di trasformare quel minuto in qualcosa di più, magari in cinque minuti (ti consiglio di procedere sempre in modo graduale) e poi dieci, venti, ecc.

Programma con anticipo e sii regolare

Attenzione: è importante programmare con anticipo il tempo che impiegherai per i tuoi obiettivi. Non deciderlo a caso, ma stabiliscilo per esempio la sera prima, scrivendo sull'agenda tutti i dettagli. Quando ti sentirai pronto a fare di più, programmalo nella tua agenda per il giorno successivo. Un minuto programmato non è la stessa cosa di un minuto scelto sul momento: nel primo caso ti sei dato un piccolo obiettivo e l'hai raggiunto, nel secondo hai assecondato un impulso di passaggio. A questo punto immagino che avrai capito quale dei due casi ti aiuta a riempire il serbatoio della tua energia di cambiamento e quale invece no.

Anche quando mi sento piena di vitalità e voglio partire in quarta con nuove abitudini o nuovi obiettivi, l'esperienza mi ha insegnato che è molto più fruttuoso e saggio iniziare con piccoli passi e farli ogni giorno, o comunque con una certa regolarità: questo mi preserva dalle perdite improvvise di energia e mantiene colmo il mio serbatoio da cui attingere per le necessità del cammino.

Camilla






Eventi

Ti aspetto a Bologna sabato 21 settembre 2019 alle ore 17:00 per la presentazione del mio libro AAA cercasi guru disperatamente presso Punto di Svolta, via A. Stoppato 1H. Tutti i dettagli qui.
A seguire, alle ore 18:00 e sempre nello stesso luogo, condurrò un incontro insieme a Francesco Carpinteri sul tema "Conversazioni con il vuoto – Alla ricerca del maestro interiore". Maggiori dettagli qui.





AAA Cercasi Guru Disperatamente AAA Cercasi Guru Disperatamente
Come salvarsi l'anima, il portafogli e le mutande. Manuale pratico di sopravvivenza spirituale
Camilla Ripani

Compralo su il Giardino dei Libri

Ingoia il Rospo Ingoia il Rospo
L'arte di liberare il tempo e vivere liberi. Più veloci! Più efficienti! Più smart!
Brian Tracy

Compralo su il Giardino dei Libri

Alimentare Corpo, Emozioni e Psiche (Video Seminario) Streaming - Da Vedere Online Alimentare Corpo, Emozioni e Psiche (Video Seminario) Streaming - Da Vedere Online
Come il cibo collega (o scollega) materia e spirito
Raffaele Fiore

Compralo su il Giardino dei Libri

30 giugno 2019

Non gettate le vostre perle davanti ai porci

"Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi. Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti. Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!". (Dal Vangelo secondo Matteo 7,6.12-14).

Ho riportato queste straordinarie parole di Gesù perché trascendono ogni luogo e ogni tempo, così come si addice a ogni maestro di alchimia, e racchiudono in pochi passi importanti insegnamenti spirituali. Vediamole più in dettaglio.

"Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi" è il monito a riconoscere ciò che ha valore e a collocarlo nel suo giusto posto.

Amore non è buttarsi via, sacrificio non è rinuncia. Amore è magnetismo e unione. Sacrificio è la capacità di educare parti di sé affinché si trasmutino in qualcosa di più elevato. Se diamo la nostra luce a persone o situazioni che la buttano via, violiamo l'ordine universale e rendiamo un cattivo servizio alla vita.

Dare "le perle ai porci" è sinonimo di mancanza di coscienza per se stessi e per gli altri. La persona cosciente e che agisce il giusto discernimento sa come impiegare le proprie energie senza sprecarle, sa come annaffiare ciò che può crescere, e darà agli altri ciò di cui hanno bisogno in relazione a quello che possono ricevere.

"Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti" cosa significa?

La grande vita universale nella quale siamo immersi – il cosmo intero – è governata da leggi che ne testimoniano l'intelligenza; si tratta di leggi divine, ben più grandi di quelle umane. In base a queste leggi, riceviamo solo quando doniamo, prendiamo solo quando lasciamo andare, siamo appoggiati solo quando appoggiamo. E non può essere diversamente in quanto, a livello sottile, tutti gli uomini sono parte di un'unica grande anima: quello che un uomo fa a un altro, nel bene e nel male, in realtà lo fa a una parte di se stesso, e prima o poi dovrà confrontarsi con il frutto delle sue azioni.

"Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!". Questo passaggio è stato interpretato nel corso dei secoli in diverse maniere, anche per giustificare giudizi moralistici... Per quanto mi riguarda, esso è semplicemente l'invito a scegliere ciò che è giusto rispetto a ciò che, sul momento, potrebbe sembrare più facile o più comodo.

Non sempre riusciamo a riconoscere ciò che è giusto, ma se restiamo aperti, lontano dal giudizio e dai preconcetti, e prestiamo attenzione alle reazioni della nostra interiorità, ci mettiamo senz'altro sulla strada per riconoscere e accogliere quei "sì" o "no" interiori che – quando uditi – non ci lasciano altra scelta che assecondarli.

Camilla






Eventi

Ti aspetto a Bologna sabato 21 settembre 2019 alle ore 17:00 per la presentazione del mio libro AAA cercasi guru disperatamente presso Punto di Svolta, via A. Stoppato 1H. Tutti i dettagli qui.
A seguire, alle ore 18:00 e sempre nello stesso luogo, condurrò un incontro insieme a Francesco Carpinteri sul tema "Conversazioni con il vuoto – Alla ricerca del maestro interiore". Maggiori dettagli qui.  



Le 48 Leggi del Potere Le 48 Leggi del Potere

Robert Greene

Compralo su il Giardino dei Libri

AAA Cercasi Guru Disperatamente AAA Cercasi Guru Disperatamente
Come salvarsi l'anima, il portafogli e le mutande. Manuale pratico di sopravvivenza spirituale
Camilla Ripani

Compralo su il Giardino dei Libri

Ingoia il Rospo Ingoia il Rospo
L'arte di liberare il tempo e vivere liberi. Più veloci! Più efficienti! Più smart!
Brian Tracy

Compralo su il Giardino dei Libri

2 giugno 2019

Affermazioni: i consigli di Hal Elrod

Il metodo delle affermazioni prevede di ripetere ogni giorno delle frasi in modo da aiutarsi a raggiungere i propri obiettivi.

Da sempre consiglio di formulare le affermazioni in modo che siano più concrete possibili e comunque tali che siano sentite "vere" dalla propria interiorità. Per questo motivo, ho molto apprezzato i suggerimenti "pratici" dati da Hal Elrod in merito alle affermazioni durante il bellissimo webinar che ha fatto con il Giardino dei Libri e che potete vedere per intero a questo link.

Hal Elrod è l'autore del libro The Miracle Morning in cui spiega un metodo che, in breve, consiste nel fare determinate routine ogni mattina (per creare un vero e proprio "mattino miracoloso" che ci aiuti a raggiungere la vita che desideriamo) e tra le quali troviamo proprio la ripetizione delle affermazioni. Avevo già parlato del Miracle Morning in questo post.




Ecco a seguire i consigli sulle affermazioni che Hal ha dato durante il suddetto webinar:

Le "affermazioni" possono essere difficili per due motivi:

1. Mentire a te stesso non funziona.
2. Il linguaggio passivo non produce risultati tangibili.

Spesso ci viene detto di ripetere a noi stessi qualcosa di positivo, anche se non rispecchia la realtà. Per esempio, se abbiamo problemi di soldi, potrebbero suggerirci di affermare "Sono benestante e ho molti soldi". Ma, se di fatto così non è, ciò potrebbe attivare una certa conflittualità nella nostra mente. Mentire a noi stessi non è mai una buona strategia – specifica Hal, – perché a prevalere sarà sempre la verità.

Anche il linguaggio che richiama uno stato passivo non va bene per le affermazioni. Per esempio, consideriamo l'affermazione: "Sono un magnete per i soldi e i soldi mi raggiungono perché io li attiro". Si tratta di una affermazione che ci induce a un atteggiamento passivo laddove, invece, per guadagnare dei soldi è necessario sforzarsi e a volte non poco.

Il problema di queste formulazioni è che portano solamente delusione e ci lasciano distaccati dalla realtà.

A questo punto Hal suggerisce quattro step per creare affermazioni davvero efficaci, capaci di generare risultati importanti.

Prendiamo carta e penna e scriviamo:

1. Cosa vogliamo raggiungere, per cosa ci impegniamo.

Non scrivere semplicemente cosa si vuole, ma quello per cui si ha l'intenzione di impegnarsi. Noi otteniamo non quello che desideriamo ma quello per cui ci diamo da fare.

2. Perché è davvero importante per noi raggiungere ciò per cui ci stiamo impegnando.

3. Quali azioni ci garantiranno di arrivare al successo.

4. Quando abbiamo intenzione di mettere in pratica tutto questo.

Le affermazioni ottenute in questa maniera ci mantengono collegati alla realtà e ci aiutano a rinforzare le azioni necessarie per raggiungere ciò che vogliamo.


Se, come me, usate il Bullet Journal, scrivete tutto questo in un'apposita sezione così da averla sempre a portata di mano. Potreste ripetere la procedura per ogni obiettivo che volete raggiungere (io ne ho almeno tre riguardanti il benessere psico-fisico, la ricerca spirituale e la realizzazione professionale).

Come accennato in apertura, le affermazioni sono parte del metodo "The Miracle Morning". Per approfondimenti, consiglio la lettura del libro The Miracle Morning di Hal Elrod.

Se vuoi saperne di più sugli argomenti di questo blog e sul mondo della spiritualità, ti consiglio la lettura del mio libro AAA cercasi guru disperatamente (Anima Edizioni).

Buona consapevolezza a tutti!

Camilla


The Miracle Morning The Miracle Morning
Trasforma la tua vita un mattino alla volta prima delle 8.00
Hal Elrod

Compralo su il Giardino dei Libri

The Miracle Morning per le Famiglie The Miracle Morning per le Famiglie
Trasforma la tua vita e quella dei tuoi bambini un mattino alla volta prima delle 8:00
Hal Elrod, Mike e Lindsay McCarthy

Compralo su il Giardino dei Libri


AAA Cercasi Guru Disperatamente AAA Cercasi Guru Disperatamente
Come salvarsi l'anima, il portafogli e le mutande. Manuale pratico di sopravvivenza spirituale
Camilla Ripani

Compralo su il Giardino dei Libri

11 maggio 2019

Credere in qualcosa

Tutti noi abbiamo pensieri, punti di vista, credenze più o meno radicate. Si tratta di idee, visioni, non sempre originate dal nostro interno ma instillate dall'ambiente in cui siamo cresciuti.

È normale, almeno fino a un certo grado, essere influenzati dal proprio terreno di nascita, perché l'eredità genetica, famigliare e culturale aiutano a definire la persona e le danno una base sulla quale evolversi. Crescendo, tuttavia, bisognerebbe imparare a mettersi in discussione, ad accettare le credenze del proprio ambiente dopo averle elaborate in modo consapevole, invece di subirle passivamente o considerarle come un a priori, come una verità assoluta.

Chi crede in qualcosa perché genuinamente coinvolto in esso, perché lo ha veramente elaborato e scelto, in genere ha un atteggiamento di inclusione anche verso chi la pensa diversamente; è disposto ad ascoltare, a spiegarsi senza ironizzare e senza aggredire, pur rimanendo saldo nella propria visione.

Chi invece crede in qualcosa perché è stato indottrinato a farlo, o perché si è imposto un percorso per motivazioni poco autentiche, reagirà in modo aggressivo e polemico verso chi segue un cammino differente, cogliendo ogni occasione per sminuire le idee diverse dalle proprie. Prigioniero di una qualche forma pensiero collettiva – quella a cui ha dato la sua adesione fideistica – non si accorge di essere una pecora guidata dal gregge e, proprio per questo, agisce più facilmente nel giudizio, nella divisione e nella cecità.

Credere in qualcosa può essere il frutto di una elaborazione personale o di un indottrinamento subito dall'esterno. A volte vi è una mescolanza di entrambi i fattori. La modalità con cui trattiamo chi ha visioni diverse dalle nostre comunque rivela se siamo autenticamente e consapevolmente in sintonia con ciò in cui crediamo o se ne siamo divenuti schiavi.

Camilla








AAA Cercasi Guru Disperatamente AAA Cercasi Guru Disperatamente
Come salvarsi l'anima, il portafogli e le mutande. Manuale pratico di sopravvivenza spirituale
Camilla Ripani

Compralo su il Giardino dei Libri

Yoga del Respiro Yoga del Respiro
35 tecniche di respirazione per rigenerarsi, guarire e ritrovare l'armonia
Markus Schirner

Compralo su il Giardino dei Libri

Le Intolleranze Alimentari non Esistono Le Intolleranze Alimentari non Esistono
La relazione infiammatoria tra cibo e salute finalmente spiegata in modo scientifico
Attilio Speciani

Compralo su il Giardino dei Libri



4 maggio 2019

Disciplina e costanza

Avere molteplici interessi può spingere a iniziare percorsi di ogni tipo, con il rischio di non concluderne mai nessuno.

Lasciare qualcosa incompleto o abbandonare i progetti prima che siano compiuti ti può indebolire psicologicamente, perché senti ciò come un fallimento, e ti può indebolire a livello sottile perché tutto quello che lasci "aperto" crea delle fuoriuscite energetiche, disperdendo la tua vitalità. 

"Disciplina" e "costanza" in genere sono parole percepite con un senso di avversione, questo perché la maggior parte delle persone affronta ogni giorno delle necessità lavorative o di vita poiché è costretta a farlo, quindi non ha voglia di darsi ulteriori stress e vincoli nel poco tempo libero di cui dispone.

Non bisogna confondere la disciplina con l'essere costretti a fare qualcosa. La disciplina non è una costrizione che ti arriva dall'esterno, ma è una scelta che ti imponi liberamente. Ti metti un limite laddove nessuno ti obbliga: non lo subisci passivamente ma lo scegli attivamente. Scegli di sacrificare il tuo tempo, la tua mente, le tue emozioni e le tue risorse per metterle al servizio della tua crescita.

Dal punto di vista energetico, fare qualcosa perché sei costretto o perché non hai alternativa equivale a non farlo. Se invece scegli di darti spontaneamente un obbligo che potresti evitare, allora quell'azione accrescerà lentamente ma inesorabilmente il tuo fuoco interiore e con esso la capacità di superare i tuoi limiti.

Due punti in particolare sono importanti quando si tratta di disciplina e costanza.

1. La vera disciplina è in risonanza con la tua autenticità e con ciò che l'anima reputa davvero costruttivo per te. Qualunque sia l'attività in cui vuoi disciplinarti – fare un'attività sportiva, scrivere un libro, diventare ordinato, praticare meditazione, studiare una nuova lingua, frequentare un corso di marketing, mangiare in modo più sano, ecc. – cerca di intuire se si tratta di un obiettivo che ti appartiene veramente (anche se ti richiede impegno e fatica) o se stai cercando di assecondare aspettative che ti sono state indotte dall'ambiente esterno.

2. Amati e ama la vita. La disciplina è particolarmente ostica a chi è incapace di amare o ha difficoltà a farlo. Colui che ama sente la disciplina come un mezzo per prendersi cura di sé e per annaffiare i fiori del giardino dell'anima. La persona chiusa, stanca, incapace di amarsi e di amare la vita percepirà la disciplina esclusivamente come un limite fastidioso, come un ostacolo alla propria voglia di vivere il momento presente sganciato da ogni impegno.

Chi ama poco tende al lamento e al giudizio e si ritrova sempre uguale a se stesso, incapace di trasformarsi. Colui che ama fluisce con la vita, asseconda e accetta lo scorrere degli eventi e questa accettazione gli permette di cambiare, perché la vita è cambiamento: basta fluire con lei e allora il cambiamento accade.

Se ti senti particolarmente stanco o poco motivato, ti consiglio di iniziare con una disciplina molto graduale, impiegando minime risorse o pochissimo tempo, finché non ti sentirai pronto a fare di più. Si tratta di mediare tra impegno e flessibilità.

In ogni caso, ogni volta che hai bisogno di coltivare la tua disciplina e sviluppare più costanza, richiama l'amore per te stesso e per la vita, allora sentirai crescere la forza nel prenderti cura di te e dei tuoi obiettivi.

Trovi il mio video dedicato al tema "disciplina e costanza" qui sotto. Se non lo vedi, vai su YouTube a questo link.




A presto!

Camilla








Eventi

Ti aspetto a Milano lunedì 6 maggio 2019 alle ore 19:00 per la presentazione del mio libro AAA cercasi guru disperatamente presso la casa editrice Anima Edizioni in Corso Vercelli, 56. A fine conferenza seguirà un breve aperitivo. Tutte le info qui.





Manuale Pratico del Corpo Sottile Manuale Pratico del Corpo Sottile
Guida completa alla guarigione energetica
Cyndi Dale

Compralo su il Giardino dei Libri

AAA Cercasi Guru Disperatamente AAA Cercasi Guru Disperatamente
Come salvarsi l'anima, il portafogli e le mutande. Manuale pratico di sopravvivenza spirituale
Camilla Ripani

Compralo su il Giardino dei Libri

Alimentare Corpo, Emozioni e Psiche (Video Seminario) Streaming - Da Vedere Online Alimentare Corpo, Emozioni e Psiche (Video Seminario)
Come il cibo collega (o scollega) materia e spirito
Video corso 
Raffaele Fiore

Compralo su il Giardino dei Libri