Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

13 novembre 2009

08. Anima Mundi - parte 1

Ci sono vie, situazioni, persone... che non piacciono per niente. Non piacciono all'Anima, e tu lo sai, lo hai sempre saputo in qualche parte dentro di te.

Tu puoi rifiutare di appoggiare un qualunque gioco che consideri "sporco". Non importa se attorno a te si dice che non è possibile, non importa se te ne accorgi solo adesso. In realtà una persona può cambiare il suo comportamento. E dopo di lei, un'altra ancora. E poi un'altra ancora... E allora perché non un gruppo, una comunità, una nazione... un mondo intero?

La buon notizia è che per "cambiare il mondo" non devono cambiare tutti... anche se il cambiamento deve comunque esserci in qualcuno: la luce di una sola candela può rischiarare una stanza intera, ma bisogna comunque accendere la Fiamma.

Anche se apparentemente il mondo è nelle mani di forze oscure (come avrebbe potuto Satana offrire a Gesù Cristo il dominio del mondo, se non ne fosse egli stesso il padrone?), e anche se certi maghi sono abili con la materia e i piani più "densi", la realtà dell'Anima - cioè del tuo vasto Sé - è intoccabile e nulla può contro di essa.

Un esoterista è ben conscio che sul piano dell'Anima non esiste vibrazione "negativa" perché la conformazione della materia di quell'ambiente non permette questo tipo di risonanza. La negatività degli uomini è dovuta, semmai, a delle mancanze, a dei "vuoti" nella loro corrispondente Anima che non può opporsi, di conseguenza, alle tendenze della personalità.

Un'anima che non abbia ancora condensato l'esperienza e la grandezza dell'amore, sul suo piano non prova odio ma brilla fievolmente, e non può "impedire" alla personalità di provare rancore, astio, vittimismo... ma quando l'Anima stessa abbia raggiunto maggiore consapevolezza, ciò permane e si riflette infine nella personalità stessa dell'uomo.

L'Anima infatti cresce, comincia a brillare con più forza, e alla fine sviluppa le sue qualità in ogni direzione, imparando a soggiogare la personalità e a sottometterla al suo volere. La nostra Anima è sempre la fonte delle nostre qualità, mentre è nella personalità - dalla visione limitata - che risiede la fonte dei nostri difetti.

Il mondo della materia (intendendo anche e soprattutto quello astrale, delle forme pensiero ed emotive), è il campo di azione dei fratelli oscuri, ma è un mondo di mancanza, un mondo che esiste esclusivamente nei piani al di sotto di quello animico, ed è destinato a mutare in meglio, ad essere trasformato...

In ogni uomo, l'odio prima o poi cadrà e lascerà spazio all'amore... l'egoismo all'altruismo, la superficialità alla saggezza, la rabbia alla forza amorevole, la depressione all'accoglienza gioiosa... Ogni piccolo passo costruttivo viene registrato nella materia sottile del corpo causale (il corpo dell'Anima) e lì permane definitivamente di vita in vita, mentre il male non raggiunge i piani immortali ma rimane limitato alle realtà inferiori; è quindi destinato a disgregarsi man mano che le nostre mancanze sono "riempite" dalla Luce dell'anima, e una volta che il conto karmico sia stato saldato.

Non è incredibile e meraviglioso il fatto che nella stessa conformazione della materia, fino ai piani più sottili, sia insita inevitabilmente la vittoria del bene?

Continua