Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

16 giugno 2016

Predatori

Non tutti sono in grado di aspettare affinché i risultati giungano a maturazione. Alcuni non hanno la pazienza, l'amore e la dignità di prendersi cura di ciò che cresce. Cercano invece risultati veloci, vanno nei campi altrui e predano i frutti che sono stati coltivati da altri.

È un espediente che a lungo andare li lascerà più deboli e meno intelligenti, sempre che se ne accorgano.

Vivere di riscontri immediati e guadagni istantanei significa cercare di imbrogliare le leggi della vita; costoro non potranno mai veramente godere di ciò che hanno predato, nonostante le apparenze, perché nel profondo sanno di non meritarlo.

Inoltre, rifiutando il processo della crescita, non possono morire e nascere a nuova vita; restano eternamente prigionieri di quello che sono, senza mai usufruire dell'energia della trasformazione.

Credo che tra gli esseri umani ci saranno sempre dei predatori, ma anche da loro si può imparare qualcosa di prezioso: dare forza all'essere svegli, apprezzare e difendere i frutti del proprio lavoro per non lasciarli esposti.

Spiritualità non è solo occuparsi di "buone vibrazioni"; sarebbe in questo caso una visione ingenua e immatura. Spiritualità è anche rendersi forti e abili per agire efficacemente nel mondo ed erigervi fortezze di luce che i predatori non possano saccheggiare.
Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. (Matteo 10,16)



Camilla


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it